FRANCESCO ZUCCARELLI (Pitigliano, 1702 - Firenze, 1788)

Formatosi a Roma come pittore di figura alla scuola di Giovanni Maria Morandi e di Pietro Nelli, Francesco Zuccarelli si trasferì sul finire degli anni venti a Firenze dove si mise al servizio del cavalier Francesco Gabburri. Verso il 1732 è a Venezia dove, nel volgere di nemmento un lustro, si affermò come il più valente paesaggista in città.

L’opera qui illustrata costituisce uno splendido esempio della maturità dell’artista e si colloca cronologicamente verso la metà degli anni quaranta; in questa fase l’artiste era all’apice della carriera e il suo successo veniva definitivamente sancito dal suo ingresso nella cerchia degli artisti protetti da Joseph Smith, console britannico presso la Serenessima.

Tra le tele realizzate su commissione di Smith si volgiono annoverare il Paesaggio fluviale con due donne abbracciate, Royal Collection, Buckingham Palace (Levey 1964, n. 684) e il Grande paesaggio boscoso con l’incontro di Isacco e Rebecca, Royal Collection, Windsor Castle (ibid., n. 689); le tele, entrambe firmate e datate “Francesco/ Zuccarelli / 1743”,  rappresentano un sicuro termine di confronto cronologico e stilistico con il nostro dipinto.

 

Estratto dalla scheda di Annalia Delneri

Paesaggio fluviale con pastorelle e armenti

Olio su tela, cm 117 x 132


Provenienza
Collezione Samuel Morley, Hall Palace, Kent, Inghilterra.

Bibliografia
E. Martini, Pittura veneta e altra italiana dal XV al XIX secolo, Rimini, 1992, fig. 323;
Views from the Grand Tour, 1983, J. G. Links, C. Whitfield, New York, 1983, n. 51;
A. Delneri, in Le Meraviglie di Venezia. Dipinti del ‘700 in collezioni private, mostra e catalogo a cura di D. Succi - A. Delneri, p. 130, n. 31.