ANTONIO JOLI (Modena 1700 - Napoli, 1770)

Le tele in oggetto sono opera del modenese Antonio Joli, vedutista largamente attivo alla corte napoletana di Ferdinando IV che in queste prove illustra il litorale di Napoli visto dal borgo di Santa Lucia (una veduta oggi scomparsa a causa dei lavori d‘interramento del secolo scorso) e un largo tratto del golfo di Pozzuoli ripreso dall’attuale area di Bagnoli. Le due prospettive, che il prof. Nicola Spinosa data al 1760, presentano soggetti largamente diffusi tra i vedutisti attivi a Napoli nella metà del Settecento, e lo stesso Joli riprodusse più volte queste angolazioni (Cfr. M. Manzelli, R. Middione, Bergamo 1995 e R. Toledano, Napoli 2006) per soddisfare la richiesta di una numerosa committenza straniera, e in particolare inglese.

Da un punto di vista stilistico si osserva come le vedute di Napoli e di Pozzuoli in esame siano rese con raffinate e sapienti stesure materiche, rischiarate da un cromatismo luminoso capace di trasferire con lucidità e sottile partecipazione emotiva la suggestione dei luoghi: la felice combinazione di natura e ‘artificio’, di paesaggio urbano e naturale, di realtà e immaginazione poetica consento allo spettatore di realizzare un contatto reale, visivo e psicologico, con il territorio partenopeo. Come risulta evidente le scene in esame sono rese con un’attenzione lenticolare e al tempo stesso emozionata, un’attitudine che lo Joli deriva dalla sintesi tra un’impostazione razionalista di ascendenza illuminista e una sensibilità rocaille per il pittoresco e l’aneddotico, e che lo situa nella scia del vedutismo di Gaspar van Wittel e Canaletto. 

Veduta di Napoli dal borgo di Santa Lucia
Olio su tela, cm 76.5 x 129.5

Veduta del Golfo di Pozzuoli con l'isola di Nisida
Olio su tela, cm 76.5 x 129.5


Perizie
Nicola Spinosa, 2 March, 2012;
Ralph Toledano, 21 May, 2012.

Bibliografia 
L. Salerno, I Vedutisti, 1991, p. 253 (il primo);
R. Middione, Antonio Joli, 1995, f. 110 (il primo);
M. Manzelli, Antonio Joli, opera pittorica, 1999, p. 82, n. 45 e pp. 86-87, n. 69, tavole XXI e XXIII;
R. Toledano, Antonio Joli. Modena 1700 – Napoli 1770, 2006, p. 321, n. N.VI.6; p. 383, N.XXXIII.3